Per offrire il miglior servizio questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione autorizzi il loro uso

Argine destro e boschetto del Simeto

 

Tra storia e natura

Percorrendo l’argine destro del Simeto si arriva alla parte più verde della riserva costituita da un bosco di Pino d'Aleppo, superato il quale si raggiunge la spiaggia e successivamente i relitti delle dune.

3 ore

facile

Scopri le escursioni e i laboratori all'interno della Riserva Naturale Orientata clicca qui

Da Torre Allegra alla Vecchia Ansa

 

Il sentiero che parte da Torre Allegra e conduce fino alla vecchia ansa del Simeto, si arricchisce di colori soprattutto in autunno e in primavera.
Guardando verso il fiume si potrà avere la possibilità di ammirare volatili come folaghe, germani, aironi, ecc.

Al ritorno si potrà fare birdwatching dalla torretta di osservazione fino alla sala espositiva.

Distanza: 1.2 km

Difficoltà: facile

1 ora

La durata del percorso è di 2 ore compresa la visita alla sala espositiva e birdwatching dalla torretta di osservazione

Non presenta alcuna difficoltà, adatto anche ai diversamente abili

Scopri le escursioni e i laboratori all'interno della Riserva Naturale Orientata clicca qui

In Bus alla R.N.O "Oasi del Simeto"

 

Note

Il costo di un biglietto per 90 minuti di percorrenza è di 1 euro. Pertanto è necessario portare con sé un secondo biglietto per il viaggio di ritorno

Si può raggiungere la R.N.O. “Oasi del Simeto con la linea urbana AMT n° 538 che parte da piazza Borsellino, in prossimità degi archi della Marina. Attualmente non ci sono fermate davanti al nuovo ingresso del Centro polifunzionale “Torre Allegra”. La fermata più vicina è quella indicata con il numero 793 sita in prossimità dello svincolo di immissione in tangenziale. Gli allegati mostrano il percorso della linea 538 e la tabella degli orari aggiornata alla Primavera 2017.

Ponte Primo Sole Foce del Simeto

 

Dal ponte Primo Sole, sull’argine artificiale del Simeto, si raggiunge agevolmente la foce attraversando i diversi ambienti della riserva.

La visita dell’ambiente dunale, della spiaggia e della foce completa il percorso di visita della Riserva.

Distanza: Km 3.6 a/r

Durata: 3 ore andata e ritorno dallo stesso percorso (preferibilmente da settembre ad aprile)

Adatto dai 9 anni in su

Scopri le escursioni e i laboratori all'interno della Riserva Naturale Orientata clicca qui

Il trekking dell’Ambra

 

Tipologia

Hiking / Trekking

Lunghezza a/r

Proposta A: 19,6 Km
Proposta B: 15,2 Km
Proposta C: 10,4 Km

Dislivello

Nullo

Durata

Proposta A: 6-7 ore a/r
Proposta B: 4/5 ore a/r
Proposta C: 3/4 ore a/r
I tempi indicati non comprendono le soste e glieventuali percorsi interni alla Riserva Naturale Orientata.

Difficoltà tecnica

Media: il fondo sabbioso impegna notevolmente i muscoli delle gambe e lo sforzo/chilometro va ricalcolato. Il percorso A è impegnativo per la durata.

Note

L’itinerario è sconsigliato dalla tarda primavera fino alla fine dell’estate sia per le temperature eccessive, che per il ridotto interesse naturalistico dovuto alla minore quantità di uccelli presenti in questo periodo nella Riserva e dalle poche specie vegetali fiorite. Nello stesso periodo può accadere che alcuni tratti di spiaggia vengano recintati per proteggere le nidificazioni della tartaruga marina (Caretta caretta) recentemente tornata a nidificare in questi lidi.

La lunga spiaggia sabbiosa della Plaja offre l’occasione di effettuare un’insolita escursione a piedi, con destinazione la foce del Simeto. Il nome dato al percorso si ispira ai fortunati ritrovamenti della preziosa Ambra del Simeto ad opera di inconsapevoli “trekkers” che fino a non molti anni fa percorrevano chilometri su chilometri nella speranza di imbattersi in qualche frammento del raro materiale.

Oggi si cammina più che altro alla ricerca delle bellezze naturali, forse oggi più rare e preziose dell’Ambra. Per venire incontro alle diverse tipologie di utenza, vengono qui suggeriti tre diversi punti di partenza, che consentono di scegliere il livello di impegno fisico più adatto alle proprie capacità.

Proposta A: dalla spiaggia libera n° 1 alla foce del Simeto. E’ l’itinerario più lungo, adatto ai camminatori allenati e resistenti.

Proposta B: dalla spiaggia libera n° 3 alla foce del Simeto.

Proposta C: Dall’accesso demaniale del parcheggio antistante i ruderi della vecchia cartiera.

Consigliamo di camminare dotati di binocolo da birdwatching (8x40 o 10x50) dato che si incontrano durante il percorso diverse zone umide salmastre, habitat tipico di molte specie di uccelli (limicoli, trampolieri, ardeidi,anatidi, etc). Nello zainetto non devono mancare una provvista di 1-2 litri di acqua ed un efficace spray antizanzare. Il ritorno avviene per la stessa via dell’andata o tramite la linea 538 urbana (AMT).